Info Utili

CLIMA :
 Temperatura media diurna 25.5°C in inverno e 27.8°C in estate, ridotta umidità.
Alle Isole vergini il clima è sempre mite.

RISTORAZIONE:
 Ristoranti disponibili con cucina: continentale, cinese, francese. scandinava, carne alla griglia, messicana/messico-texana, mediterranea, thai, vegetariana, italiana.
La mancia è del 15% nella maggior parte dei ristoranti. 

DOCUMENTI NECESSARI :

Documenti di viaggio: 
Per recarsi negli Stati Uniti d’America senza necessità di visto, sono validi i seguenti passaporti:
- passaporto elettronico, unico tipo di passaporto che viene rilasciato a partire dal 26 ottobre 2006.
- passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005.
- passaporto con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006
I minori necessitano di passaporto personale, non viene accettato chi ha il minore segnato sul proprio passaporto, neonati compresi.

Registrazione obbligatoria sul sito Esta:
Dal 12 gennaio 2009 tutti i cittadini italiani nell'ambito del Programma Viaggio senza Visto dovranno registrarsi nel sito governativo denominato ESTA e rispondere ad alcune semplici domande. A partire dall’8 settembre 2010 la registrazione è a pagamento, il costo è di 14 $ per ogni registrazione e il saldo deve essere fatto con carta di credito. Senza tale registrazione non sarà consentito al viaggiatore di salire a bordo dell'aereo per gli USA: tale registrazione non garantisce l'ingresso nel paese ma solo di salire a bordo dell'aereo che vi è diretto e non è sostitutiva della carta verde che si compila a bordo.

COSE DA FARE :
- Lo shoppingtax free a St. Thomas
- Visitare il bellissimo parco nazionale di St. John
-
Sorseggiare un gustoso drink al rhum
- andare a cavallo nella foresta tropicale
- fare un giro in bici a St. Croix
-perdersi nell’oceano su un catamarano alla scoperta dei tesori dei pirati e del terribile Barbanera ( Isole Vergini Britanniche )
- dedicarsi allo sport ( parasailing, pesca d’altura , windsurf, snorkeling, sci d’acqua, kayak )
- scoprire le antiche rovine di epoche passate
- LO spettacolare Carnevale di st. John ( fine giugno- inizi di luglio )
- La famosissima regata primaverile ( 25-31 marzo 2013 ) nelle BVI

CURIOSITA’  E STRANEZZE :
- Nel 2010 si è siglato un importante gemellaggio tra l’isola di St. Croix ( la più grande delle Usvi ) e il piccolo villaggio Montescudaio in Toscana.
L’origine di ciò è stato un omaggio ai caduti americani durante la liberazione di Montescudaio, il 30 Giugno 1944. La relazione di gemellaggio si é poi formalizzata da entrambe le parti. Salame, olio d’oliva e vino rosso sono i prodotti genuini della terra di Montescudaio che saranno proposti alle Vergini USA; mentre dalla soleggiata St. Croix il rum può rifornire i bar ed i bistrot italiani. Quattordici i vini omaggiati e presentati da Montescudaio agli isolani delle Vergini USA: da quattordici vigneti giunge la produzione speciale DOC di quest’antico villaggio d’origini medioevali. Ma a parte i vini, la possibilità di organizzare una produzione alimentare per mano italiana alle Vergini USA è molto realista, considerati gli sgravi fiscali nell’arcipelago “stelle & strisce”.

- La zucca calabash è un frutto assai sfruttato alle Isole Vergini Americane.
Viene chiamata anche “gobi” e si usa per forgiare utensili, ciotole, borse e strumenti musicali. Sia la zucca di calabash che il cocco vengono ampiamente usati per costruire nidi per uccellini o abbeveratoi.
Se girate per i negozi d’artigianato troverete manufatti fatti con la zucca di calabash

- I biologi tropicali scoprirono solo un’unica Papaya Viola nella storia, e questo risale ormai al 1800!
Cresce selvatica nella foresta pluviale ad ovest di St. Croix, vicino ad un rilievo montuoso.
 La Purple Papaya è un frutto molto raro.
Alcuni stimano che un solo frutto di papaya viola valga oltre i $200.000!
Questa specie botanica molto inusuale – che fu subito spedita a Londra per la ricerca – accoglie sotto le sue fronde una piccola ranocchia, la Green Tree Frog.

- Con la forte cultura e tradizione alle spalle grazie a secoli di dominazioni coloniali  Europee e l’arrivo degli schiavi Africani, non c’è da meravigliarsi se alle Vergini US sopravvivono credenze, usanze e personaggi particolari.
Tra questi due sono rilevanti nella cultura locale: i Jumbies e Obeah.

JUMBIES

Si dice che siano spiriti maligni o benigni, esseri soprannaturali. Se siete dell’occidente probabilmente non avrete mai la fortuna d’incontrarne: pertanto non preoccupateVi.
Cosa esattamente siano i Jumbies dipende a chi voi ponete la domanda. Alcuni Vi risponderanno che sono spiriti di persone decedute, mentre altri dicono che sono spiriti di gente vivente nel corpo di un defunto…
L’unico vero Jumbie che potete vedere è il MOCKO JUMBIE che cammina sui trampoli durante tutti i Carnevali e le parate.

OBEAH

Si dice che sia una forza soprannaturale creata nell’evenienze negative e positive.
 Obeah è d’origine Africana ed è molto simile a Voodoo, benché sussistano differenze. Anche se la credenza in Obeah non è mai stata predominante alle Vergini US, alcuni affermano che s’instaurò vieppiù con il sopraggiungere dell’immigrazione intra-insulare dei Caraibi. Certamente non incontrerete molte persone pronte a dirVi che credono in Obeah, benché tutti possano raccontarVi storie o aneddoti di qualcosa successo a qualcuno…
Se volete veramente occuparVi di Obeah, dovrete allora entrare nei meandri di pratiche considerate illegali alle Vergini US.

Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!